Autore Topic: Katyn  (Letto 726 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Arawn

  • Fordista Junior
  • **
  • In Idaf da: Giu 2009
  • Post: 390
  • Località: La Spezia
    • il mio garage
Katyn
« il: 15 Ottobre 2009, 15:55:42 »


Qualche giorno fa guardavo l'inizio di "Niente di personale"..
(potete trovarlo qui http://www.la7.it/approfondimento/dettaglio.asp?prop=replicandp&video=31365 la parte interessante inizia dall'8° minuto se non avete pazienza  :P anche se secondo me meritano tutti i 20 minuti)
..mi son reso conto che facevo parte degli ignoranti nel senso che ignoravo appunto..

Ho rimediato subito e lo consiglio anche a chi conosce tutta la storia..

Edit aggiungo dettagli anche se nel filmato Piroso è meglio di qualsiasi scheda:

Citazione da: www.comingsoon.it
Trama del film Katyn:
Katyn è la storia degli ufficiali polacchi trucidati a Katyn dalla NKVD durante la Seconda guerra mondiale e delle loro famiglie che, inconsapevoli di quanto accaduto, aspetteranno il ritorno dei propri mariti, padri, figli, fratelli. In Katyn si racconta l'indomita battaglia per preservare la memoria e per affermare la verità: il film è un'inflessibile resa dei conti con la menzogna creata dal potere comunista per costringere la Polonia a dimenticare coloro che furono uccisi. All'inizio della Seconda guerra mondiale, il 17 settembre 1939, dopo l'invasione della Polonia da parte della Germania nazista, anche l'Armata Rossa sconfinò sul suolo polacco per ordine di Stalin. Gli ufficiali polacchi furono fatti prigionieri dai Russi. Anna, la moglie di un Capitano del Reggimento Uhlan, attende il ritorno del suo uomo e, sebbene abbia già ricevuto la prova inconfutabile del suo assassinio da parte dei Russi, si ostina a rifiutare la realtà. La moglie di un Generale, invece, apprende la morte di suo marito dopo la scoperta da parte dei Tedeschi di fosse comuni di ufficiali polacchi nella foresta di Katyn. Agnieszka, la sorella di un pilota, ha invece il cuore spezzato dal muro di silenzio e di omertà che circonda l'assassinio del fratello. Jerzy, un amico del Capitano, arruolatosi nell'Armata del Popolo Polacco, è l'unico sopravvissuto. Cosa ne sarà di queste donne che attendono i loro amati in Polonia e che alla fine della guerra si ritroveranno sotto l'egemonia della Russa? Parole come patria e libertà manterranno lo stesso significato per coloro che hanno accettato il nuovo stato delle cose?

Soggetto: tratto dal libro Post Mortem di Andrzej Mularczyk

Note:
- Candidato all'oscar 2008 come miglior film straniero. - Fuori concorso al 58mo Festival di Berlino 2008.
« Ultima modifica: 18 Ottobre 2009, 15:34:44 da Titanium »
FoFo II Restyling 5p Polvere di Luna:Titanium + Titanium Pack + Cerchi 16" ST Design
________________________________________________________________
"Era nuova di zecca, aveva l'odore delle macchine nuove. Che è poi il miglior profumo del mondo, a parte quello di donna". George LeBay "Christine"