Guide e Consigli > Non RiFarlo

MANDARE LE RUOTE A 320KM/H

(1/6) > >>

Claudio M:
Mini raccontino alla Aliseo

Era la mia prima escort, 1985, modello Laser colo blu ocean, 1600 aspirato.

Era bella ma la volli rendere ancor piu'  personale. Feci verniciare i paraurti neri (allora di metallaccio) della stessa tinta della carrozzeria, ci feci mettere al centro una gomma paraurti nera che la rendeva sportiva e una coppia di rostri per ogni paraurti che la rendeva aggressiva.
Il tocco finale .... 4 cerchi costosissimi in lega della Momo Engineering.

I problemi cominciarono proprio con questi cerchi, che non si centravano alla perfezione sui mozzi ... alcuni millimetri piu' piccoli (i mozzi). Cosi mi inventai delle guide o piccoli spessori che infilavo tra foro dei cerchi e mozzi (ne ho gia' parlato nel forum da qualche parte) e cosi facendo trovavo il centro perfetto foro/mozzo.
Ma .... ma per appurare che non ci fossero eccentricita' e quindi vibrazioni, dovevo verificare l'equilibratura.
E qui venne il bello .. o il disastro.

Mettevo la macchina sul crick una volte per ruota, l'altra ruota poggiava a terra, il freno a mano per quelle posteriori. Accendevo il motore e cominciavo a far girare ---  20 ... 40 .... 80 .... 100 .... 120 .... 160 km/h per accertarmi dell'equilibratura, poi ripetevo dall'altra ruota. Il tutto funzionava alla perfezione ..... se non fosse che alcuni mesi dopo notai piccole perdite di olio dai semi assi dall'uscita del differenziale (se ricordo bene).

Portai la macchina in Ford. Dopo 3 ore mi telefonano a casa e mi dicono di recarmi quanto prima in officina, mi chiedo cosa mai sara'.

Vado, appena arrivo vedo la faccia scura del capofficina , che mi dice appena mi vede ... "cosa hai fatto?" --- "perche' risultano i semi assi quasi fusi insieme al differenziale o giu' di li, e' un'ora che stiamo provando a staccare il semiasse ma non viene fuori. Comunque e' tutto andato."

La macchina era in garanzia, mi vollero graziare, il giorno prima era entrata in officina una escort col motore fuso, recuperarono da li differenziale e semi assi e me lo montarono. Non pagai nulla, (solo manodopera) ma al ritiro il capofficina mi mise la mano sulla spalla e mi disse "andiamo, pagami un caffe' che dobbiamo parlare".
Al bar  dissi che l'unica cosa che avevo fatto e' quanto su scritto per controllare l'equilibratura. Mi rispose spiegandomi: " quando l'auto va a 160 la velocita e' ripartita alle due ruote dal differenziale, se hai portato la macchia a quella velocita' da ferma con una sola ruota e' come se la stessa l'avessi portata a 320km/h"


..... Quanto ti tutto cio' possa essere vero non so, ma i fatti andarono cosi.

shiningdemix:
beh potrai dire di aver avuto una escort 1600 che andava a 320 kmh in tutta sicurezza ahahahahahahaha  :D :D :D

ziomax:
Be...questa poi....
Ziomax

riki.one:
Ciao.... scusate non voglio fare il pignolo puntiglioso.... ma giusto per dovere di cronaca, il differenziale è concepito per sopperire alla differenza di strada percorsa dalla ruota interna ristetto a quella interna in una curva, per esempio se non ci fosse girando tutto lo sterzo da fermo la ruota esterna saltellerebbe.... andando anche ai 320 km/h non avresti comunque rovinato il differenziale perché le ruote girando all'unisono o con piccole differenze nelle curve serebbe entrato a malapena in funzione.... quello che hai fatto tu si può assimilare a quando si fa una curva stretta e si da gas.... l'avantreno e l'interno si alleggeriscono perdendo aderenza e la ruota interna inizia a girare a vuoto... perché  le viene trasferita la coppia in eccesso.... quindi quando si sente la ruota stridere alleggerire il gas... ciao...

Claudio M:
sentiamo qualcuno piu' esperto

Navigazione

[0] Indice dei post

[#] Pagina successiva

Vai alla versione completa