Demo Prova Link
Le Guide "fai da te" di Idaf
Consulta le Guide per questo modello

Autore Topic: Storia e Versioni Ford Mondeo.  (Letto 5279 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Titanium

  • Amministratore
  • Fordista Sovrano
  • *******
  • In Idaf da: Mag 2007
  • Post: 8020
  • Età: 37
  • Località: Legnago VR
  • Maurizio
    • Idaf.it
  • Auto: C-Max I
  • Motore: 1.8 tdci 115cv
  • Anno: 2006
  • Alimentazione: Diesel
  • Km: 100.000 - 150.000
  • Colore: Blu
Storia e Versioni Ford Mondeo.
« il: 14 Gennaio 2009, 15:46:56 »
Mondeo

La Mondeo è un modello di autovettura appartenente al segmento D prodotta dalla Ford sin dal 1993 e ora giunta alla terza serie.
La prima serie venne aggiornata nel 1996, mentre la seconda generazione venne presentata nel 2000, e l'ultima nel giugno 2007.

Prima serie: 1993-1996 

Anche se le immagini ufficiali vennero rilasciate alla fine del 1992, la Mondeo venne lanciata nel marzo 1993, con una presentazione al Salone di Ginevra. Disponibile come quattro porte, cinque porte berlina e station-wagon, prodotta nello stabilimento belga di Genk.

Intesa come una macchina mondiale, rimpiazzò la Ford Sierra in Europa, la Ford Telstar in gran parte dell'Asia e in altri mercati, mentre la Contour e la Mercury Mystique rimpiazzarono la Ford Tempo e la Mercury Topaz nel Nord America. Diversamente dalla Sierra, la Mondeo è una trazione anteriore, con rare versioni a trazione integrale. Il design della macchina costò alla Ford un sacco di soldi. Fu uno dei programmi più costosi mai realizzato per una casa automobilistica.

La Mondeo fu talmente importante che venne condivisa da Europa e Nord America. Il suo nome in codice durante lo sviluppo era: CDW27 stante a significare i segmenti a cui apperteneva (C e D) e che era una "World Car".

La macchina venne lanciata nel mezzo di tempi turbolenti per Ford Europe, quando la divisione stava perdendo milioni di dollari ogni anno. La quarta generazione della Escort e della Orion del 1990 erano la sintesi di ciò che era la filosofia del taglio dei costi di produzione e di vendita dei modelli a prezzi elevati. Questo concetto divenne dannoso per la Ford che si ritrovò a vendere modelli con guidabilità leggermente sotto gli standard. Molti acquirenti Ford, stavano già optando per la concorrenza, quindi il futuro della Ford Europe era in ballo. Fortunatamente la Mondeo vendette parecchio perché era un buon progetto e risollevò la Ford. Nel 1993, quando fu presentata, era l'unica auto della sua categoria con airbag per il guidatore di serie. Questa grande attenzione alla sicurezza, sia attiva che passiva, decretò il suo successo e le valse il premio di "Auto dell'anno 1994".

Anche se venne pensata come macchina mondiale, esteticamente la Mondeo condivideva con la Contour solo i finestrini, gli specchietti retrovisori e le maniglie delle portiere. Persino gli interni erano molto differenti. Il progetto CDW27 quindi, non risultò essere un vero progetto mondiale, anche se comuni erano il pianale e lo schema delle sospensioni.

Una vasta porzione dei capitali vennero utilizzati per ricercare un nuovo design che condivideva quasi niente con la Ford Sierra. Utilizzando una piattaforma completamente nuova, la Mondeo presentava trasmissioni manuali e automatiche (con funzioni elettroniche "Sport" ed "Economy") e sospensioni sofisticate.

Nel 1995 la Ford Mondeo venne aggiornata sulla sicurezza. Possedeva airbag frontali, barre side-impact, cinture di sicurezza, ABS di serie (sui modelli di fascia alta). Altre caratteristiche includevano sospensioni auto-livellanti (top modelli station wagon), controllo di trazione (versioni V6 e 4WD) frangivento termoriscaldato.

Gli interni erano come al solito ben curati, caratterizzati da velluto, poggiabraccia con reparto porta Cd e cassette, antifurto, finestrini elettrici, specchietti elettrici, sedili posteriori ribaltabili. I modelli di alta gamma avevano i sedili in pelle, computer di bordo, tettuccio elettrico, cambia CD e cerchi in lega.

Oltre ad una nuova piattaforma, la Mondeo utilizzò anche i nuovi motori Zetec, visti per la prima volta nel 1991 in una versione revisionata della Ford Escort. Vennero utilizzate tre versioni del 16 valvole Zetec: il 1.6 da 90 Cv, il 1.8 da 115 Cv e un nuovo 2.0 da 136 Cv.

Un'alternativa ai motori Zetec fu l'Endura-D 1.8 turbodiesel. Questo motore aveva origini nel vecchio 1.6 diesel utilizzato nella Fiesta. Tuttavia, non venne considerato un buon competitore per i diesel europei del tempo come quelli prodotti da Peugeot.

Un motore meno popolare venne introdotto nel 1994: era il 2.5 litri 24 valvole V6 Duratec da 170 Cv. Questo motore, utilizzato inizialmente dalla cugina Nord Americana, la Ford Contour, era caratterizzato dalla capacità di utilizzare a basse velocità la metà delle 24 valvole. I consumi erano ragionevoli. Questo motore venne usato anche per lanciare la nuova gamma sportiva ST con l'ST24 nel 1997. La potenza massima del motore rimase a 170 Cv, la stessa degli altri motori 2.5, ma la ST aveva cerchi in lega da 16" e il bodykit RSA (Rally Sport Appearance) di serie. Il bodykit poteva essere eliminato su ordinazione. Quest'auto venne rimpiazzata dall'ST200 nel 2000, motorizzata con una versione modificata del V6 Duratec con una potenza di 200 Cv. È significativo come il V6 consumi meno del 2.0 4 cilindri e ancor di più è il fatto che, pur aumentandone la potenza, i consumi restino più o meno inalterati.
In Europa, la Mondeo venne subito dichiarata la leader della classe, e venne eletta Auto dell'Anno nel 1994.

Prima serie restyling: 1996-2000

Il facelift venne realizzato con un taglio dei costi sulla ricerca per riguadagnare parte dei soldi investiti precedentemente. Tuttavia l'auto venne quasi totalmente modificata. Solamente le porte e il tetto rimasero gli stessi del primo modello. Persino gli estrattori sulle porte posteriori vennero eliminati. Il cambiamento più evidente fu l'introduzione di una griglia anteriore ovale accompagnata da una fanaleria differente. La versione di punta aveva inoltre luci posteriori differenti. Gli interni sono stati mediamente rivisitati in quanto l'architettura base era la stessa del modello precedente.Questo facelift venne apprezzato dal pubblico.

Seconda serie: 2000-2007

Lanciata nell'Ottobre del 2000 come berlina e SW, questa Mondeo fu più grande della sua progenitrice. Inoltre Ford abbandonò il "New Edge design" anche se la macchina presentava ancora la fanaleria simile a quella della Focus prima serie.

Seguendo i nuovi standard introdotti dalla Volkswagen Passat nel 1996, la Ford diede per la Mondeo grande attenzione nella realizzazione degli interni. Abbandonò il tipico design americano della prima serie optando per quello tedesco che non sembrò solamente più sofisticato, ma anche di una maggiore qualità in quanto vennero utilizzati materiali più costosi.

Come per la progenitrice, la sicurezza passiva fu uno dei punti di forza della nuova Mondeo. Con un corpo vettura più resistente, la Ford introdusse l'"Intelligent Protection System" (IPS), un sistema "intelligente" di sensori capace di decidere la migliore combinazione di sicurezza attivando o meno gli airbag frontali, laterali o a tendina. Come sicurezza attiva, tutte le versioni vennero dotate di ABS ed EBD, mentre l'ESP era un optional.

Per la seconda serie, il 1.6 Zetec venne eliminato mentre il 1.8 e il 2.0 vennero pesantemente revisionati e rinominati Duratec. Il motore 2.5 V6 venne mantenuto, mentre il 3.0 litri è stato sviluppato per l'ST220. L'arcaico Endura-E 1.8 turbodiesel venne rimpiazzato da un più sofisticato 2.0 Duratorq con iniezione diretta (TDCi) a geometria variabile. Questa particolare turbina garantì una maggiore spinta, fino al 10% in più di coppia per brevi periodi di tempo.

Venne introdotta anche una nuova trasmissione automatica chiamata Durashift. Questa unità aveva 5 rapporti che potevano essere usati in automatico o in manuale.

Nel giugno 2003, la Mondeo ricevette un aggiornamento, i nuovi modelli potevano essere riconosciuti grazie a una griglia anteriore più grande a nido d'ape e cromata, a un nuovo cruscotto di qualità maggiore realizzato con materiali di alta qualità con climatizzatore automatico, radio Ford standard o Sony, oppure un navigatore satellitare con radio/ lettore CD con i controlli per il climatizzatore inclusi a causa delle grosse dimensioni dell'unità. Il cambio Durashift era disponibile con i comandi al volante, mentre venne introdotto un Duratorq turbodiesel common rail da 96 kW (130 Cv). Le motorizzazioni benzina vennero revisionate introducendo la versione SCI (iniezione diretta) del 1.8 Duratec, che generava 4 kW (5 Cv) in più di un motore normale. Inoltre, il computer di bordo venne inserito di serie su tutti i modelli, mentre il cruise control solo in alcuni mercati.

Nel 2005, ci furono due nuovi Duratorq a iniezione diretta (TDCi), un 2.2 da 114 kW (155 Cv) e una versione depotenziata del 2.0 da 65 kW (89 Cv). Comparve di serie il sistema d'avviso audio/visivo per le cinture di sicurezza. Gli esterni vennero modificati nuovamente, il maggiore cambiamento furono le luci posteriori.

Terza serie: 2007

La terza generazione della Mondeo (nome in codice: CD345) è stata ufficialmente svelata nella versione 5 porte nel tardo 2006. È basata sulla piattaforma EUCD sviluppata con Volvo, che è la stessa usata sul Galaxy e sull'S-MAX e che verrà utilizzata anche per il prossimo Land Rover Freelander.
La nuova Mondeo adotta gli stilemi del Kinetic Design, visti per la prima volta sulla Iosis concept presentata nel 2005 al Salone di Francoforte. La nuova auto, in versione station wagon, venne pre-lanciata in versione 'concept' al Salone di Parigi il 30 settembre 2006.

La nuova piattaforma ha permesso l'utilizzo di nuove motorizzazioni, già in uso sulla Focus ST e sull'S-Max. I motori benzina includono un 1.6 litri da 125 cavalli, il 2.0 litri 145 Cv e un 2.5 litri 5 cilindri turbo con 220 Cv. Tra i diesel figurano il 2.0 TDCI da 140 cvalli, sia in combinazione con cambio manuale a 6 rapporti sia con cambio automatico/sequenziale 6 rapporti e il 2.2 turbo diesel da 175 cavalli.
La Mondeo utilizza il nuovo sterzo elettro-idraulico, utilizzato per la prima volta sulla C-MAX, che migliora la guidabilità e riduce i consumi.
La nuova Mondeo venne svelata in anteprima nel 2006 nel film di James Bond Agente 007 - Casino Royale, dove venne scherzosamente ribattezzata "Bondeo".

Nuova Mondeo: 2011

Ford ha presentato ufficialmente al Salone di Mosca (2010) la nuova Mondeo Model Year 2011. La Casa stessa definisce il modello "la Mondeo più tecnologicamente avanzata di tutti i tempi" e in effetti, oltre agli aggiornamenti alla linea e alle motorizzazioni, i contenuti tecnologici sono di rilievo e pongono l'ammiraglia Ford al livello delle più blasonate concorrenti premium.
A tre anni dal lancio, la nuova Mondeo nella nuova versione 2011 porta in dote degli affinamenti stilistici che non ne alterano l'aspetto globale ma la rendono ancora più dinamica e piacevole, in linea con il recente linguaggio "Ford Kinetic Design".
Il frontale è stato parzialmente riprogettato ponendo particolare attenzione alla sicurezza dei pedoni. Prese d'aria di maggiori dimensioni, nuove cromature e nuove luci di posizione a LED completano il restyling della parte anteriore. La tecnologia a diodi luminosi viene adottata anche nei gruppi ottici al posteriore, dove si nota anche il portellone ridisegnato.

Gli interventi all'interno dell'abitacolo puntano a migliorare qualità e ricercatezza: la consolle centrale appare ora meglio integrata e nelle versioni Titanium è dotata di uno sportellino che copre il posacenere e i portabicchieri quando inutilizzati.
Anche il quadro strumenti è stato ridisegnato all'insegna di una maggiore pulizia delle linee e di una maggior leggibilità. I comandi dei sistemi infotainment, realizzati da Sony, presentano una finitura lucida ancora più elegante.
Tra gli altri particolari rinnovati ci sono i pannelli delle porte dotati di un nuovo meccanismo di apertura a filo arrotondato e di inserti decorativi ridisegnati, nuovi materiali per i rivestimenti (tessuti di qualità superiore, Alcantara e pelle Windsor) e una nuova illuminazione interna a LED.

La nuova Mondeo 2011 si distingue nella categoria per la quantità di dispositivi tecnologici che offre, tra equipaggiamenti di serie ed a richiesta. La lunga lista comprende il Blind Spot Information System (sistema che rileva la altre vetture nelle zone d'ombra mediante moduli radar nel paraurti posteriore), la telecamera posteriore (abbinata al navigatore satellitare), il limitatore di velocità e tre nuovi sistemi al debutto nella gamma Ford.
Si tratta del sistema Lane Departure Warning, un dispositivo che evita il superamento involontario della carreggiata grazie ad una telecamera che monitora lo spazio davanti alla vettura in relazione alle strisce della corsia, del sistema Drive Alert, che valuta il livello di attenzione del conducente analizzando i movimenti dello sterzo e richiama eventualmente l'attenzione con un segnale acustico e infine del nuovo Auto High Beam, che consente di viaggiare quando possibile con i fari abbaglianti regolandoli automaticamente in presenza di altri veicoli.
La nuova Mondeo conferma poi la propria vocazione di auto da famiglia grazie alla presenza del sistema Rear Door Power Child Locks, che consente al conducente di disattivare l'apertura delle porte posteriori e dei finestrini e garantisce maggior controllo sui bambini che occupano i sedili posteriori.

Motori: due nuove unità

La Mondeo 2011 è anche la prima Ford a essere dotata dei nuovi motori 2.0 EcoBoost a benzina e 2.2 TDCi diesel. L'unità a benzina è un due litri turbo che eroga 240 CV ed è stato profondamente rivisto per ottenere consumi ridotti fino al 20%, con emissioni di CO2 pari a quelle della versione meno potente da 203 CV (179 g/km).

L'unità diesel è un 2.2 litri Duratorq TDCi completamente rinnovato che eroga 200 CV e costituisce al momento la motorizzazione Duratorq più potente nella gamma Ford. Completano l'offerta a gasolio il motore TDCi di 2.0 litri disponibile nei due livelli di potenza da 115 CV con trasmissione manuale e da 163 CV con cambio Powershift, entrambe con emissioni di CO2 pari a soli 139 g/km.
Debutta poi la nuova trasmissione a doppia frizione a bagno d'olio Ford Powershift a sei rapporti che offre una gestione fluida e piacevole della potenza disponibile. Il nuovo cambio è offerto di serie sulle motorizzazioni benzina Ford EcoBoost ed è invece disponibile a richiesta sul motore Duratorq TDCi da 163 CV.

Completano il rinnovamento dell'ammiraglia Ford una serie di soluzioni volte a migliorare l'efficienza del veicolo, che nella casa dell'Ovale Blu chiamano "Ford ECOnetic": il sistema di ricarica rigenerativa intelligente, il sistema Ford Eco Mode e un nuovo pannello di chiusura attiva della griglia, una novità che ottimizza l'aerodinamica a vantaggio dei consumi.
La nuova Ford Mondeo 2011 arriverà nelle concessionarie a partire da ottobre.

Motorizzazioni:

Benzina:

EcoBoost 1.6 litri  (160CV)
EcoBoost 2.0 litri  (203CV)
EcoBoost 2.0 litri  (240CV)

Diesel TDCi :
Nuovo Duratorq TDCi 2.0 (115CV)
Nuovo Duratorq TDCi 2.0 (163CV)
Nuovo Duratorq TDCi 2.2 (200CV)

by Abega



NUOVA MONDEO 2015

Qualità. La quarta generazione della Ford Mondeo ti accoglie in un abitacolo non solo funzionale e ampio, ma che, per la categoria cui appartiene la Mondeo, guadagna in qualità percepita, con interni curati specie per quanto riguarda il livello superiore sia dei materiali impiegati sia degli allestimenti proposti.

Gli interni. La nuova Ford Mondeo sarà in vendita a gennaio 2015 e, delle versioni inizialmente previste per il nostro mercato, ne abbiamo provate in anteprima due: una, station wagon, con motore a benzina e una, berlina 5 porte, spinta da un diesel. Sulla Mondeo Station Wagon si sta comodi anche davanti. Già perché le dieci regolazioni del sedile (ben profilato, comodo, rinfrescabile e riscaldabile) e del volante, egregiamente rivestito e anch’esso riscaldabile, consentono di assicurarsi l’assetto guida ottimale. Al funzionale vano bagagli, con capacità massima che va da 525 a 1.630 litri, si accede tramite un ampio e pratico portellone a comando elettrico con effetto acustico che ne segnala la chiusura.

La benzina. Lasciata l’autostrada, quando il percorso si fa più tortuoso, a trarne vantaggio è la guidabilità della Ford Mondeo Station Wagon. Complice il nuovo e generoso 1.500 a benzina Euro 6 da 160 cavalli che eroga, sia pur pacatamente, tutta la potenza disponibile e una sufficiente coppia motrice. Peccato che in alcune situazioni (curve strette, specie in salita e falsi piani), sia poco pronto e così si è costretti a inserire i rapporti inferiori del cambio meccanico a 6 marce che, tuttavia, ha corsa un po’ lunga tra un rapporto e l’altro. Disponibile l’automatico sei marce a doppia frizione (+ 1.500 euro).

La diesel. L’offerta di motori diesel vede in gamma anche la versione aggiornata del 2.0 TDCi Euro 6 da 180 CV accoppiato a un cambio meccanico a 6 rapporti (+ 1.500 euro per l’automatico sei marce a doppia frizione). Il quattro cilindri, nell’occasione montato sulla Ford Mondeo berlina, offre prestazioni interessanti. Non è rumoroso e consente riprese tutto sommato vivaci.

Su strada. Un bel contributo al piacere di guidare la nuova Ford Mondeo viene, come già accennato, dal comportamento dinamico. Su strada, infatti, la nuova media Ford dà soprattutto una grande sensazione d sicurezza. Ben piantata sulle quattro ruote, offre un’apprezzabile tenuta anche quando si osa un po’. Il merito va in parte attribuito all’efficace rigidità della scocca (10% in più rispetto alla versione precedente) e alle sospensioni. Queste ultime, aggiornate, con quelle posteriori inedite e autolivellanti per la station wagon offrono un buon compromesso tra sportività e confort. Numerosi i sistemi elettronici che sorvegliano sulla dinamica di guida, dal torque vectoring al servosterzo elettrico con le modalità Comfort, Normal e Sport condivise con il controllo elettronico degli ammortizzatori.

Fonte QUATTRORUOTE

ROPER

Benzina Plus 5 porte
 1.5 EcoBoost 160 CV: 27.250 euro
 1.5 EcoBoost 160 CV, automatico: 28.750 euro

Diesel Plus 5 porte
 2.0 TDCi 150 CV: 28.750 euro
 2.0 TDCi 150 CV, Econetic: 29.500 euro
 2.0 TDCi 150 CV, automatico a doppia frizione: 30.250 euro

Benzina Titanium 5 porte
 1.5 EcoBoost 160 CV: 29.250 euro
 1.5 EcoBoost 160 CV, automatico: 30.750 euro
 2.0 EcoBoost 203 CV, automatico: 32.250 euro
 2.0 EcoBoost 240 CV, automatico: 33.750 euro

Diesel Titanium 5 porte
 2.0 TDCi 150 CV: 30.750 euro
 2.0 TDCi 150 CV, Econetic: 31.500 euro
 2.0 TDCi 150 CV, automatico a doppia frizione: 32.250 euro
 2.0 TDCi 180 CV: 32.250 euro
 2.0 TDCi 180 CV, Econetic: 33.000 euro
 2.0 TDCi 180CV, automatico a doppia frizione: 33.750 euro

Versione Station Wagon
 + 1.000 euro

Hybrid Titanium 4 porte
 2.0 187CV Hybrid e Cvt automatico: 32.500 euro

« Ultima modifica: 22 Aprile 2016, 14:27:45 da ROPER »
...il progresso è Ford...la passione è IDAF...

Offline pask1983

  • Fordista Junior
  • **
  • In Idaf da: Dic 2010
  • Post: 459
  • Auto: Mondeo
  • Anno: 2002
  • Alimentazione: Diesel
  • Allestimento: 2.0 tddi 115cv
  • Colore: verde met.
  • Idafizzato: NO
Re: Storia e Versioni Ford Mondeo.
« Risposta #1 il: 01 Luglio 2011, 02:39:08 »
ci sono delle imprecisioni per quanto riguarda la motorizzazione diesel della serie 2000-2007


inizialmente il PUMA era stato concepito in 2 versioni
2000cc 16V da 90cv con turbina a geometria fissa e iniezione diretta (non c.r.)
2000cc 16v da 115cv con turbina, inizialmente a geom. variabile e pompa vp30, a seguito fu sostituita la t. con una a geometria fissa e fu adottata la vp44 (quindi non c.r.)

solo nel 2002 usci la versione aggiornata del PUMA con iniezione c.r. con potenza 130cv turbina a g. variabile e col sistema che aumentava la coppia per previ periodi (non mi viene il nome! :( )


e se non ricordo male, nel 2004 il 115cv passo da "i.d." a c.r. e come per il 130cv, t. a geometria varibile ed il sist. che aumentava la coppia...

Offline skafuto

  • New Entry
  • In Idaf da: Ott 2011
  • Post: 12
  • Località: milano
  • mondeo tdci 85kw 115cv 2012
  • Auto: Mondeo
  • Motore: 1.6 tdci 115cv
  • Anno: 2012
  • Alimentazione: Diesel
  • Km: 50.000 - 100.000
  • Idafizzato: NO
Re:Storia e Versioni Ford Mondeo.
« Risposta #2 il: 09 Agosto 2015, 21:24:18 »
ciao
mi pare manchi anche
duratorq 1600 diesel   85 kw  115 cv

che e' quella che ho io
immatricolata marzo 2012

ciao

Offline marcofranco

  • New Entry
  • In Idaf da: Apr 2016
  • Post: 6
  • Auto: Modello non in elenco
  • Motore: Altra cilindrata
  • Altro Motore: 1769
  • Anno: 1980-1990
  • Alimentazione: Benzina
  • Km: 150.000 - 200.000
  • Allestimento: ghia
  • Colore: argento
Re:Storia e Versioni Ford Mondeo.
« Risposta #3 il: 22 Aprile 2016, 13:45:19 »
ciao, vorrei solo precisare che la mondeo 2.2 titanium s , motore 2179, coppia max 420 Nm , successiva alla mondeo 2.2  155cv, non è biturbo, ma è provvista di un solo turbo.

Offline ROPER

  • Admin FB Page
  • Moderatore
  • Fordista Sovrano
  • ******
  • In Idaf da: Feb 2011
  • Post: 6391
  • Età: 53
  • Località: Genzano Di Roma
  • Quando il denaro parla, tutte le lingue tacciono.
    • Il mio garage
  • Auto: Mondeo
  • Motore: 2.0 tdci 163cv
  • Anno: 2012
  • Alimentazione: Diesel
  • Km: 50.000 - 100.000
  • Allestimento: Titanium Pack
  • Colore: Polvere di luna
  • Idafizzato: SI
Re:Storia e Versioni Ford Mondeo.
« Risposta #4 il: 22 Aprile 2016, 14:25:24 »
Grazie @marcofranco, corretto l'errore.  ;)
La mente è come un paracadute, funziona solo se si apre.



IDAacebook Page

Offline HenryFord

  • New Entry
  • In Idaf da: Lug 2014
  • Post: 40
Re:Storia e Versioni Ford Mondeo.
« Risposta #5 il: 15 Maggio 2016, 21:21:14 »
Quali erano le differenze estetiche tra Mondeo Mk4 prerestyling e restyling? Grazie.